San Bruno, il fondatore dell’ordine certosino

La nascita del nuovo ordine monastico, le montagne, e le prime testimonianze legate alla Certosa di Pesio.

Le montagne della Valle Pesio, dove sorge il monastero certosino fondato nel 1173. (Grangia di san Michele, sopra la Certosa)

Quando il 6 ottobre si festeggia S. Bruno, pochi sanno che la data deriva dal giorno esatto della morte, nell’anno 1101, di un docente di teologia e filosofia. Bruno – o Brunone, nella forma latinizzata – il fondatore dell’ordine monastico Certosino.

Era nato in Germania, nella città di Colonia, nel 1030. Aveva insegnato a Reims, nella scuola da lui diretta e, fra i suoi allievi, il benedettino Oddone di Châtillon, nel 1090 diverrà papa col nome di Urbano II. Ma tra le motivazioni che inducono il teologo a fondare una comunità monastica nella zona del delfinato francese, nel massiccio della “Chartreuse” (da cui, appunto, Certosa), è probabile vi sia una vocazione nata in anni difficili. Bruno, infatti, fu costretto ad abbandonare la sua scuola a causa di dissidi col vescovo Manasse di Gournay, che aveva accusato di simonia, ovvero di compravendita di cariche ecclesiastiche. Egli è invece “acceso d’amor divino” e la sua chiamata monastica è legata al bisogno di condurre una vita ritirata e ascetica.

Come per altri casi celebri è una visione a guidare l’avvento. Il vescovo di Grenoble che lo aiuterà donandogli un terreno – Ugo di Châteaunef – in sogno vede sette stelle che indirizzano sette pellegrini in un luogo solitario, nel cuore della Chartreuse . Ed è proprio assieme a sei compagni che, nel 1084, Bruno erige la casa Madre: la Grande Chartreuse, dove si dedicherà alla vita contemplativa.

Particolare dell’affresco staccato della Certosa di Pesio

Non stupisce quindi che “la nostra” Certosa di Pesio si trovi in una zona montana. E se il primo monastero – fondato appunto da San Bruno – è ai piedi  della Grand Som, nell’attuale dipartimento dell’Isère, a circa 1175 m. di altitudine, quello di Pesio è di poco sotto i 1000 m. s.l.m., ai piedi del massiccio del Marguareis. Caratteristica, questa della vocazione montana, che contraddistinguerà i primi monasteri certosini italiani.

Ma tornando dunque al buon Bruno, circa sei anni dopo, il suo ex allievo divenuto papa lo sceglie come consigliere e lo convoca a Roma. Bruno non può certo declinare l’invito. Seguirà una brevissima esperienza monastica nel complesso della chiesa di S. Ciriaco – donata appunto da Urbano II – presso le Terme di Diocleziano, accanto a quella che oggi è Piazza della Repubblica, poco distante dalla stazione Termini. Nota, secoli dopo, per il chiostro di Michelangelo.

Interno della basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri a Roma. Al centro, sul pavimento, il simbolo certosino del globo sormontato dalla croce, circondato dalle sette stelle.

La permanenza di Bruno a Roma durerà dal 1089 al 1091, quando poi si stabilirà in Calabria, a circa 790 m. di altitudine, nell’attuale Serra San Bruno.

Secondo i suoi precetti i pochi confratelli devono essere pronti alla durezza di una vita che egli insegna attraverso i consigli e con istruzioni scritte. Queste dopo la sua morte troveranno codificazione nella Regola, approvata nel 1176 dalla Santa Sede. Ma, soprattutto, quella dei certosini è una comunità “mai riformata, perché mai deformata”, proprio come la voleva Bruno, il cui culto è stato approvato da Leone X (1513-1521) e confermato da Gregorio XV (1621-1623).

San Brunone. Affresco visibile dal fondo del porticato ovest del chiostro superiore della Certosa di Pesio

Con la Regola ormai in vigore troviamo, nella Certosa di Pesio, dal 1228 (grazie ad un discreto repertorio di fonti), testimonianze relative a scambi e a rapporti intercorrenti tra le comunità certosine locali. Emerge il nome di un intraprendente converso: Enrico Testa, che amministra la grangia di Tetti Pesio e proviene dal consortile di Morozzo (Guglielmotti, Signori di Morozzo, p. 225).

SONY DSC
Particolare. Chiesa di Tetti Pesio, vicino a Cuneo.

Fonti ancora più tarde indicano che nel 1218 Pesio ottiene la visita di due priori delle case savoiarde di St. Hugon e Aillon (Bligy). Questi, accompagnati dal priore di Casotto Guglielmo, ispezionano i suoi beni fondiari e l’alta valle, per poter accertare come possano soddisfare le esigenze del monastero e fissano, quindi, più vasti termini d’espansione. Sempre fonti tardi legate alla Certosa di Pesio indicano, nel 1233, che venne stretto un patto di preghiera con la certosa di Durbon. E un priore di Pesio compare nell’elenco dei testimoni a un importante atto di Monte Benedetto, rogato a Villarfocchiardo, relativo al movimento dei certosini tra i due versanti alpini.

Le montagne, dunque, riepilogando, come sfondo ineluttabile di questo nuovo ordine monastico. E in rare occasioni, soprattutto in questo periodo più alto, valle e Certosa sono anche dette “de Ardua”. Così, sempre nel caso di Pesio, troviamo una facile spiegazione al nome della vicina località tutt’oggi presente, appunto chiamata Ardua.

La Certosa di Pesio, nell’omonima valle. Sullo sfondo, dietro la chiesa superiore, si intravede la sommità della montagna su cui si trova la “Madonnina” d’Ardua.

La vocazione eremitica è quindi coerentemente perseguita col rigore nella scelta del sito. E la primitiva innovazione certosina, geograficamente e cronologicamente concentrata sulle Alpi, riguarda anche aspetti gestionali. Il fenomeno più rilevante è quello delle grange, per l’uso della manodopera fornita dai conversi e, soprattutto, per la sistematicità con cui queste vengono installate. Ma già a metà Duecento sopraggiungono i primi segnali di una certa inversione di tendenza. Sebbene ancora solo in ambito subalpino, come nel caso di Tommaso di Savoia che, nel proprio testamento, redatto nel 1248, dispone che sia edificata una nuova casa certosina in vai Dubbione, nella pianura Pinerolese, che diverrà una Certosa femminile.

Manola Plafoni

(Articolo comparso sul N. 34 – dicembre 2018 – della rivista storica Chiusa Antica)

Grazie a Vanessa Gatti per le preziose indicazioni per le mie ricerche.

Il nuovo ordine

I primi anni di vita delle Certose.
Casotto, Pesio e le altre case monastiche eremitiche, organizzate secondo la Regola.

SONY DSC

È un crogiolo di nuove congregazioni religiose la Francia – nell’età comunale, nei secoli centrali del Medioevo – che lascia penetrare “monaci silenziosi”, “fratres in generali capitulo Cartusie congregati”, nell’area subalpina, nel Pedemontium. Oggi noto con l’anacronismo adottato per comodità, ovvero: il Piemonte (Goria, 1952). Ben quattro case religiose. Le più antiche. Senza prendere in considerazione il monastero calabrese di Serra S. Bruno – del 1091, cronologicamente la prima Certosa italiana – perché il fondatore dell’ordine, in realtà, interrompe i contatti con la casa madre di Grenoble, distaccandosi dalla scelta eremitica.
Delle primitive Certose italiane conosciamo gli atti datati tra il 1086 e il 1196, provenienti dalla Grande-Chartreuse, grazie agli studi di Bernard Bligny di metà Novecento. Ed è soprattutto da questi documenti che si evincono gli aspetti fondamentali dell’organizzazione del nuovo ordine religioso.

SONY DSC
Chiostro sup. della Certosa di Pesio. Dal lato est del “desertum”.

Siamo sul finire del XII secolo. Casotto, Pesio e Losa sono – in quest’ordine – Certose maschili fondate nella parte alta di vallate alpine. Entrambe prendono il nome dalle località in cui si trovano – dalle valli e i torrenti omonimi nel caso di Pesio e Casotto, e da un sito montano per la Certosa di Losa in Val Susa – senza, dunque, l’intenzione di appropriarsi dei luoghi, magari riqualificandoli. Ma li accumuna anche l’usanza, già particolarmente diffusa tra gli enti certosini d’oltralpe, della dedizione mariana. L’aspetto unificante delle tre case intitolate a Santa Maria, così come una precisa organizzazione edilizia secondo le regole prescritte dall’ordine, suggeriscono un vero e proprio comportamento preordinato.

SONY DSC
Affresco staccato. Certosa di Pesio

Tralasciamo la quarta casa piemontese, la Certosa di Buonluogo. È una clausura femminile nella piana pinerolese, ubicata in una zona – all’epoca – boschiva, probabilmente di poco anteriore il 1234. Mentre quelle appena menzionate appartengono ancora al secolo precedente. Pesio e Losa sono infatti fondate rispettivamente nel 1173 e nel 1189. Ma della Certosa di Casotto non si hanno fonti certe. Si può presumere che la data sia nei decenni che antecedono il 1172 – e sicuramente dopo il 1155 –, così come si può solamente supporre che la sua nascita si debba all’iniziativa di monaci provenienti da Serra S. Bruno. Curioso però – a questo punto – è avere notizia di dieci monaci e otto conversi che provengono proprio da Casotto, nel cenobio benedettino laziale vicino Frosinone, quando diviene Certosa di Trisulti.

casotto_gallery3
Val Casotto (CN)

Ma torniamo, dunque, ad una visione più ampia del primo impianto monastico certosino. Tra le direttrici unitarie di ciascun ente vi è – nella fase di fondazione – la cura di rispettare la prescrizione dell’ordine, che prevede d’individuare siti tali da soddisfare la scelta eremitica. Ed è proprio la “specializzazione montana”, a confermare l’ostinata volontà di non arrendersi di fronte allo scarso favore.
La Regola è introdotta con il riconoscimento ufficiale del nuovo ordine monastico. Guigo è il vero e proprio legislatore delle norme certosine, autore delle Consuetudines Cartusiae (1121-1128). Così la comunità è organizzata, oltre che con dodici monaci, da un priore che riceve la donazione, esplicitamente dichiarata come “de ordine Cartusiensi”. Ed è precisa l’indicazione di edificare “a una certa distanza dal monastero, la casa inferiore o Correria” (Guglielmotti, Gli esordi della Certosa di Pesio), ovvero la sede dei conversi. Quei fratelli laici, di grado subordinato ai certosini, cui venivano affidati i lavori manuali. Affinché i monaci non venissero turbati dagli “affari mondani”. Nel caso della Certosa di Pesio, la Correria precede addirittura l’edificazione del monastero vero e proprio. Mentre per Casotto è menzionata una casa inferiore solo nel 1202 (Barelli, Cartario della Certosa di Casotto, 1957).

Manola Plafoni - Certosa di Pesio Chiostro sup. _per Ch. Antica 2017 (1)
Chiostro superiore della Certosa di Pesio (particolare)

La conduzione economica dei nuovi ordini religiosi è, inoltre, legata ad un aspetto sostanzialmente nuovo, rispetto alla gestione dei monasteri benedettini. L’introduzione di “aziende agricole” denominate grange è un elemento di forza per l’economia delle case. Permettono di essere autosufficienti attraverso lo sfruttamento agricolo-pastorale delle terre. Soprattutto perchè i vari complessi fondiari sono gestiti direttamente, attraverso la manodopera certosina. Sono infatti le sedici unità di conversi, coordinati da un procuratore – o grangerius -, ad occuparsi delle grange.

P1080210
Crocefisso nella chiesa inferiore della Certosa di Pesio

I monasteri divengono, a mano a mano, pienamente autosufficienti e in grado di espandersi patrimonialmente. I monaci si premurano di liberare le proprie terre da carichi signorili e di espandersi anche in aree di pianura. Non certo solo per differenziare le coltivazioni, o creare buoni condizioni per l’allevamento bovino, ma anche per aumentare le proprie ricchezze come oculati latifondisti.

san michele valle pesio
Grange sopra la Certosa. Valle Pesio

Purtroppo nel caso della Certosa di Pesio, questa nuova forma di espansione – sebbene non per le due grange di pianura, vicino a Cuneo, ma all’interno della vallata stessa – provoca non pochi problemi. Le “grangias sive domunculas” di S. Michele e Rumiano danno origine a contese e discussioni. Si sentono depauperati nell’incolto produttivo sia gli abitanti locali del villaggio “della Chiusa”, quanto i contadini dei due villaggi del versante opposto di Tenda e Briga. Come cita l’autore di una Chronica del 1435, il Priore certosino Stefano di Crivolo (Caranti, La Certosa di Pesio). Incendi, invasioni e scorrerie di vario genere provocano, a più riprese, la parziale distruzione del monastero. Così i monaci, circa a metà del XIV secolo, sono costretti ad abbandonare la loro Certosa, lasciandola per quasi cinque decenni deserta.

Manola Plafoni

Articolo comparso sul N. 32 (dicembre 2017) del periodico di informazione storico-culturale “Chiusa Antica”.

Un affettuoso ringraziamento a Vanessa Gatti per i preziosi suggerimenti.