San Bruno, il fondatore dell’ordine certosino

La nascita del nuovo ordine monastico, le montagne, e le prime testimonianze legate alla Certosa di Pesio.

Le montagne della Valle Pesio, dove sorge il monastero certosino fondato nel 1173. (Grangia di san Michele, sopra la Certosa)

Quando il 6 ottobre si festeggia S. Bruno, pochi sanno che la data deriva dal giorno esatto della morte, nell’anno 1101, di un docente di teologia e filosofia. Bruno – o Brunone, nella forma latinizzata – il fondatore dell’ordine monastico Certosino.

Era nato in Germania, nella città di Colonia, nel 1030. Aveva insegnato a Reims, nella scuola da lui diretta e, fra i suoi allievi, il benedettino Oddone di Châtillon, nel 1090 diverrà papa col nome di Urbano II. Ma tra le motivazioni che inducono il teologo a fondare una comunità monastica nella zona del delfinato francese, nel massiccio della “Chartreuse” (da cui, appunto, Certosa), è probabile vi sia una vocazione nata in anni difficili. Bruno, infatti, fu costretto ad abbandonare la sua scuola a causa di dissidi col vescovo Manasse di Gournay, che aveva accusato di simonia, ovvero di compravendita di cariche ecclesiastiche. Egli è invece “acceso d’amor divino” e la sua chiamata monastica è legata al bisogno di condurre una vita ritirata e ascetica.

Come per altri casi celebri è una visione a guidare l’avvento. Il vescovo di Grenoble che lo aiuterà donandogli un terreno – Ugo di Châteaunef – in sogno vede sette stelle che indirizzano sette pellegrini in un luogo solitario, nel cuore della Chartreuse . Ed è proprio assieme a sei compagni che, nel 1084, Bruno erige la casa Madre: la Grande Chartreuse, dove si dedicherà alla vita contemplativa.

Particolare dell’affresco staccato della Certosa di Pesio

Non stupisce quindi che “la nostra” Certosa di Pesio si trovi in una zona montana. E se il primo monastero – fondato appunto da San Bruno – è ai piedi  della Grand Som, nell’attuale dipartimento dell’Isère, a circa 1175 m. di altitudine, quello di Pesio è di poco sotto i 1000 m. s.l.m., ai piedi del massiccio del Marguareis. Caratteristica, questa della vocazione montana, che contraddistinguerà i primi monasteri certosini italiani.

Ma tornando dunque al buon Bruno, circa sei anni dopo, il suo ex allievo divenuto papa lo sceglie come consigliere e lo convoca a Roma. Bruno non può certo declinare l’invito. Seguirà una brevissima esperienza monastica nel complesso della chiesa di S. Ciriaco – donata appunto da Urbano II – presso le Terme di Diocleziano, accanto a quella che oggi è Piazza della Repubblica, poco distante dalla stazione Termini. Nota, secoli dopo, per il chiostro di Michelangelo.

Interno della basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri a Roma. Al centro, sul pavimento, il simbolo certosino del globo sormontato dalla croce, circondato dalle sette stelle.

La permanenza di Bruno a Roma durerà dal 1089 al 1091, quando poi si stabilirà in Calabria, a circa 790 m. di altitudine, nell’attuale Serra San Bruno.

Secondo i suoi precetti i pochi confratelli devono essere pronti alla durezza di una vita che egli insegna attraverso i consigli e con istruzioni scritte. Queste dopo la sua morte troveranno codificazione nella Regola, approvata nel 1176 dalla Santa Sede. Ma, soprattutto, quella dei certosini è una comunità “mai riformata, perché mai deformata”, proprio come la voleva Bruno, il cui culto è stato approvato da Leone X (1513-1521) e confermato da Gregorio XV (1621-1623).

San Brunone. Affresco visibile dal fondo del porticato ovest del chiostro superiore della Certosa di Pesio

Con la Regola ormai in vigore troviamo, nella Certosa di Pesio, dal 1228 (grazie ad un discreto repertorio di fonti), testimonianze relative a scambi e a rapporti intercorrenti tra le comunità certosine locali. Emerge il nome di un intraprendente converso: Enrico Testa, che amministra la grangia di Tetti Pesio e proviene dal consortile di Morozzo (Guglielmotti, Signori di Morozzo, p. 225).

SONY DSC
Particolare. Chiesa di Tetti Pesio, vicino a Cuneo.

Fonti ancora più tarde indicano che nel 1218 Pesio ottiene la visita di due priori delle case savoiarde di St. Hugon e Aillon (Bligy). Questi, accompagnati dal priore di Casotto Guglielmo, ispezionano i suoi beni fondiari e l’alta valle, per poter accertare come possano soddisfare le esigenze del monastero e fissano, quindi, più vasti termini d’espansione. Sempre fonti tardi legate alla Certosa di Pesio indicano, nel 1233, che venne stretto un patto di preghiera con la certosa di Durbon. E un priore di Pesio compare nell’elenco dei testimoni a un importante atto di Monte Benedetto, rogato a Villarfocchiardo, relativo al movimento dei certosini tra i due versanti alpini.

Le montagne, dunque, riepilogando, come sfondo ineluttabile di questo nuovo ordine monastico. E in rare occasioni, soprattutto in questo periodo più alto, valle e Certosa sono anche dette “de Ardua”. Così, sempre nel caso di Pesio, troviamo una facile spiegazione al nome della vicina località tutt’oggi presente, appunto chiamata Ardua.

La Certosa di Pesio, nell’omonima valle. Sullo sfondo, dietro la chiesa superiore, si intravede la sommità della montagna su cui si trova la “Madonnina” d’Ardua.

La vocazione eremitica è quindi coerentemente perseguita col rigore nella scelta del sito. E la primitiva innovazione certosina, geograficamente e cronologicamente concentrata sulle Alpi, riguarda anche aspetti gestionali. Il fenomeno più rilevante è quello delle grange, per l’uso della manodopera fornita dai conversi e, soprattutto, per la sistematicità con cui queste vengono installate. Ma già a metà Duecento sopraggiungono i primi segnali di una certa inversione di tendenza. Sebbene ancora solo in ambito subalpino, come nel caso di Tommaso di Savoia che, nel proprio testamento, redatto nel 1248, dispone che sia edificata una nuova casa certosina in vai Dubbione, nella pianura Pinerolese, che diverrà una Certosa femminile.

Manola Plafoni

(Articolo comparso sul N. 34 – dicembre 2018 – della rivista storica Chiusa Antica)

Grazie a Vanessa Gatti per le preziose indicazioni per le mie ricerche.

Annunci

Le bolle papali a favore della Certosa di Pesio

L’intervento della curia romana
e i giochi di potere delle Certose e dei monasteri cistercensi locali,
all’inizio del XIII secolo.

SONY DSC
Monaco certosino in preghiera. Particolare dell’affresco. Chiesa della grangia certosina di Tetti Pesio (CN) (Foto su gentile concessione dell’Avv. A. Ghisolfi)

La protezione papale alla Certosa di Pesio è accordata solo nel 1246, con Innocenzo IV.
Sono passati oltre sette decenni dalla fondazione (1173), e il monastero ha da poco subìto violenti attacchi dalle vicine comunità montane e da quella più a valle dei “Chiusani”.
Ma le altre case certosine piemontesi hanno avuto una sorte differente, in quegli stessi anni.
Casotto, per esempio, ottiene dopo un breve periodo, nel 1199 (con Papa Innocenzo III), il riconoscimento ufficiale come monastero certosino. Il suo positivo rapporto con la Sede apostolica può spiegarsi con il fatto di essere la Certosa che ha avviato la diffusione certosina in Italia. Di essere stata, infatti, un vero serbatoio di monaci per altre sedi. Come nell’emblematico caso laziale della Certosa di Trisulti.
Inoltre, la dedizione del monastero della Val Casotto ad un Beato certosino di estrazione locale, proveniente da Garessio, garantisce un buon rapporto con le limitrofe collettività contadine.

II Cert capitel (93)
“Opus” (lavoro)
Incisione su pietra.
Resto conservato accanto all’antica chiesa inferiore della Certosa di Pesio.

Mentre l’intervento a favore della Certosa di Losa (1209), si deve senz’altro alla sollecitazione sabauda. Al monastero in valle di Susa giova, sicuramente, il fatto di essere stato avviato proprio dai Savoia. Ed, inoltre, appare decisiva la presenza di un converso – tale Dietrich Terricius – stretto congiunto del Barbarossa, forse un figlio naturale, che Federico I definisce “de progenie nostra oriundus”.
La Certosa di Pesio, invece, non riceve analoghi riconoscimenti da papa Innocenzo III. Né dai sui tre successori. E paga, probabilmente, il fatto di non avere potenti intermediari.

II Cert capitel (68)
Particolare dell’ingresso della Certosa di Pesio

I Signori di Morozzo, i suoi promotori, non sono completamente assoggettati al vescovo di Asti, da cui dipende la Diocesi. Ma soprattutto la Certosa di Santa Maria subisce la concorrenza del vicino monastero cistercense di Pogliola. La casa femminile è, a sua volta, stata fondata dalla famiglia dei Morozzo. Ma essa ottiene riconoscimenti che può spendere localmente, anche in termini di prestigio.
Pare che entrambe le nuove case contribuiscano al declino del più antico monastero dei Morozzo – quello di San Biagio – perchè in grado di organizzare con efficacia la propria gestione.
Ma, all’atto di fondazione della Certosa di Pesio, il vescovo di Asti non è presente. E tale vistosa assenza appare ancor più grave quando il prelato presenzia, invece, quello del monastero cistercense di Pogliola, nel 1181.
È probabile che i certosini debbano scontare il fatto che i rapporti tra i Morozzo e il vescovo astigiano non si sono ancora pacificati, dopo una lunga fase conflittuale (Guglielmotti, I Signori di Morozzo). Ma resta il fatto che i monaci della Valle Pesio sono esclusi da qualsiasi sostegno e aiuto del vescovo, nella loro sede così al limite della diocesi. Dovendo, però, versare le tasse a quest’ultima.
Si registrano, così, ovvie tensioni con il rifiuto dei monaci di soddisfare le richieste di sussidi ecclesiastici da parte astigiana.

SONY DSC
Sette stelle ad otto punte.
Particolare affresco.
Chiesa della grangia certosina di Tetti Pesio (CN)
(Foto su gentile concessione dell’Avv. A. Ghisolfi)

Ciò fino a quando il monastero ricorre alla curia romana per le vertenza con il clero di Asti, cui seguono l’emanazione di ben due bolle papali, rispettivamente nel 1246 e nel 1253 (Cartario della certosa di Pesio, Bollettino storico-bibliografico subalpino).
E al riconoscimento, seppur tardo, da parte imperiale, di una protezione che oggi definiremmo “standard”, a partire dal 1247.
Per quanto riguarda, poi, la gestione del patrimonio fondiario – negli anni successivi – va sottolineato come i monaci certosini siano stati abili. Essi riplasmano il paesaggio delle zone in cui si radicano. La loro ostinata vocazione eremitica li induce a non abbandonare quelle montagne e quei boschi in cui hanno eretto la propria sede. Anzi – così come li si può comparare ai cistercensi – con una ancor più forte specializzazione montana. Senza cedere a quella tentazione urbana, che nel corso del Duecento caratterizza molti ordini religiosi; anche solo per migliorare l’allevamento del bestiame – soprattutto di ovini – a fini economici (Comba, Cistercensi tra città e campagna).

II Cert capitel (72)
Certosa di Santa Maria di Pesio.
Chiostro inferiore e particolare della chiesa superiore.

Eppure i certosini sono percepiti alla stregua dei Signori, dai locali chiusani. Poiché pretendono di disporre di quegli incolti produttivi che, prima delle donazioni a loro favore, erano legate allo sfruttamento collettivo.
Diversa è la questione in pianura.
I monaci non sembrano esercitare diritti signorili di sorta. Ma – questione ancor più significativa – non percepiscono le decime, per coerente scelta di conduzione diretta.
Una scelta del genere non è invece riscontrabile presso i cistercensi. Come nel monastero saluzzese di Staffarda. Dove l’acquisizione delle decime gravanti su terre altrui – e non solo l’esonero per le proprie – da parte del monastero, è un chiaro esempio di come già nei primi decenni del Duecento vi sia una lenta inclinazione all’esercizio di poteri Signorili.
Così come nel monastero di Casanova, nei pressi di Carmagnola, seppur ristretto a singoli lotti.

SONY DSC
Grangia certosina di Tetti Pesio.
(giugno 2018)
Particolare con la chiesa, la loggia e la torre. Nella corte (sulla dx della foto), sotto una folta vegetazione è ancora presente l’antico pozzo.
(Foto su gentile concessione dell’Avv. A. Ghisolfi)

Presso la grangia certosina di Tetti Pesio, invece, i contadini sono forse più abituati a rapportarsi con la grande proprietà. Sia essa laica che ecclesiastica. E con ogni probabilità, ciò che è sufficiente a disinnescare gli eventuali conflitti, è il fatto che le grange restituiscono a coloro che hanno ceduto le proprietà individuali, l’occasione di prestare la propria forza lavoro.
In quel processo, non solo fisico ma anche spirituale, della costruzione del Desertum certosino.

SONY DSC
Particolare dell’antica Chiesa della Grangia certosina di Tetti Pesio (CN).
I colori bianco e blu delle volte ricordano, chiaramente, quelli delle volte della Casa Madre, la Certosa di Pesio. Come nel caso della Chiesa superiore di Pesio, i colori sono attributo della Madonna.
(Foto su gentile concessione dell’Avv. A. Ghisolfi)

Manola Plafoni

Articolo comparso sul N. 33 della rivista storico – culturale “Chiusa Antica”. Giugno 2018