Il noviziato nella Certosa

Attraverso un’intervista ad un frate della Consolata, la testimonianza sulla vita dei novizi, nella Certosa di Pesio. Per circa quarant’anni luogo di formazione religiosa dei futuri missionari.

4 ottobre 12 (12)

Un incontro cordiale ed estremamente semplice, con Fratel Gaetano. Uomo mite e dall’aspetto genuino di chi è abituato a lavorare e a rimboccarsi le maniche. L’intervista avviene una mattina di fine inverno, in piedi, nel porticato del chiostro superiore della Certosa. E, subito, la sua voce rivela le sue origini piemontesi. Inizia, così, una piacevole conversazione, a proposito della sua esperienza di novizio, di oltre cinquant’anni fa.

SONY DSC
Fratel Borgo – Certosa di Pesio, primavera 2017

Manola: Come si chiama?
Fratel Borgo: Mi chiamo Borgo Gaetano. Nato ad Alpignano, in Provincia di Torino, il tredici novembre del 1939.
M: Lei è un frate, non è vero?
F B: Sì, sono un fratello, un laico. Un frate. Ho i voti religiosi: povertà, castità, obbedienza.
M: Si trova da molto qui alla Certosa?
F B: Sono arrivato il cinque settembre del 2015.
M: Lei è stato in missione in Kenya per quarantaquattro anni, e tre anni in Inghilterra. Ma facciamo un passo indietro: quando si è avvicinato al mondo religioso?
F B: Avevo diciannove anni.
M: E poi ha fatto il Noviziato qui alla Certosa.
F B: Sì, nel ‘61/’62. Guardi… io sono arrivato qui per la prima volta – non l’avevo mai vista la Certosa, ne avevo solo sentito parlare – e mi ha stupito il fatto che tutto questo fosse dei Missionari della Consolata. Ero proprio stupito.
M: Un complesso molto grande, in effetti. Com’era 55 anni fa?
F B: Mi ricordo che di là [fa un cenno con la mano verso est] a San Giuseppe c’era ancora tanta gente. Li vedevo solo venire a messa la domenica, con i bambini. E anche là [questa volta indica la Correria] c’era un bel gruppetto, con i figli.
M: Chi era, all’epoca, il Priore?
F B: Padre Rabaioli. Giovanni. Che veniva già dal Kenya, però con cinque anni di prigionia, durante la guerra in Sud Africa. Tutti i missionari della Consolata che erano in Tanzania, Kenya, Etiopia, erano stati messi nei campi di concentramento. E avevano arrestato anche le suore della Consolata, che erano duecentoquaranta. Loro non le hanno deportate ma le avevano messe in un unico convento a Nyeri, sotto la supervisione di militari fino alla fine della guerra.
M: Lei sa per quanto tempo qui nella Certosa ci sono stati i noviziati?
F B: Dal 1934. E l’ultimo noviziato è stato nel 1975.
M: Lei è venuto qui all’inizio degli anni Sessanta, il Padre Superiore era dunque Rabaioli…
F B: Sì. Era uno molto pratico.
M: Ma i primi “passi” della sua vita ecclesiastica dove sono iniziati?
F B: Ad Alpignano. Nella Casa di formazione dei Fratelli. Proprio nel mio paese. Perché io andavo a scuola là da bambino, a fare l’avviamento professionale. È per questo che ho conosciuto i missionari della Consolata.
M: E ha deciso di farsi Fratello…
F B: Sì, perché mi piaceva quello stile di vita.
M: E cosa, in particolare, la colpiva e le piaceva?
F B: Il fatto che ci fosse sia la preghiera che il lavoro. Un po’ sullo stile Benedettino…

P1160735
Chiostro superiore della Certosa

M: Quindi lei ha iniziato nel suo paese.
F B: Per sei mesi, nell’istituto. Però io conoscevo i missionari già da bambino, perché andavo là la domenica. Ero un ragazzo dell’oratorio e andavamo a giocare al pallone.
M: E dopo questo primo periodo?
F B: Dunque… da lì ad Alpignano, eravamo un bel gruppo, eravamo tredici! Cioè, eravamo un gruppo di diciassette ma prima di venire qui ne hanno già scartati alcuni.
M: Li scartavano perché non seriamente intenzionati?
F B: Perché non erano adatti. Oppure cambiavano idea. Il ché era una buona cosa, non bisogna mica forzare…
M: Quindi da lì intraprese il suo cammino.
F B: Io avevo già un mestiere. A casa facevo il contadino e in fabbrica facevo il tornitore. E allora avevo già “il mestè”, come si dice. E siccome loro mi conoscevano da lunga data… non mi han fatto fare l’anno completo ad Alpignano. Ad ottobre si iniziava qui alla Certosa – per tutti, sia per coloro che volevano farsi Fratelli, che per chi studiava da prete – e ho incominciato l’anno di prova. Questo anno di prova andava dal primo ottobre a fine settembre dell’anno successivo.
M: Un intero anno.
F B: Sì, era obbligatorio. L’anno di prova si chiama: Noviziato.
M: Questo prima di prendere i Voti.
F B: Prima di andare via da qui si facevano i Voti per tre anni. Poi se uno voleva ancora decidere d’andarsene, se ne andava. E molti se ne andavano…
M: E alla fine di questi tre anni?
F B: Si facevano i Voti Perpetui.
M: Ma la differenza tra lei che è Frate e i Preti, in cosa consiste?
F B: Che oltre ai tre voti loro hanno l’ordinazione sacerdotale.
M: Quindi possono celebrare messa. Mentre i Frati no, come le suore.
F B: Esatto e noi, invece dei preti, studiavamo materie tecniche. Mentre loro studiavano teologia e filosofia. Perché in missione c’è bisogno sia di chi predica che di chi lavora. Perché è anche necessario costruire.
M: Quando lei è venuto qui nella Certosa quanti anni aveva?
F B: 21 anni.
M: E quando è arrivato cosa le è stato detto, all’inizio?
F B: Arriva il Superiore, Padre Rabaioli, e dice: “Chi vuol prendersi la responsabilità dell’acqua calda, dell’acqua fredda, delle fogne, dei lavori tecnici, eccetera?” Ed io – siccome c’era un altro più giovane di me – ho pensato: lasciamo che se ne occupi lui. Però già ad Alpignano mi avevano preparato un po’, per fare lavori da tubista. E quindi poi il Superiore mi disse: “Lei, Fratel Borgo, si prenda la responsabilità dell’acqua”. Poi ricordo che c’era un altro, sui trent’anni, bresciano. Sabaini. Faceva il falegname. Era responsabile di tutto quel che riguardava il legname. Porte, finestre… Con cui poi ho collaborato anche dopo, per più di trent’anni, nella scuola missionaria in Kenya. È mancato l’anno scorso.
M: Quanti eravate, qui, a fare il noviziato?
F B: 63 chierici e 13 fratelli.
M: Secondo lei perché erano di più quelli che studiavano per diventare preti?
F B: Non saprei. Nelle congregazioni miste, come la nostra, ci sono sempre più sacerdoti che Fratelli.

SONY DSC
Lo scalone (del Boetto) mette in comunicazione la parte inferiore con quella superiore dove si trova il grande chiostro.

M: Erano presenti anche delle suore?
F B: Sì, lì nell’ala sud. [Indica la parte terminale del braccio porticato del chiostro, che va verso la montagna]. Quella che adesso si chiama “ala Deserto”. Mi pare fossero anche un bel gruppo. Quasi venti. Perché per loro era una casa di formazione, mi pare. Ma non le vedevamo mai. Solo la domenica a messa. Perché al mattino c’era l’altro Padre che andava a dir messa là.
M: Ma la domenica partecipavano tutti, alla messa?
F B: Sì, nella chiesa grande. Era tutto pieno.
M: E le sorelle cosa facevano durante la settimana?
F B: So che avevano anche delle ore di studio. Noi non le vedevamo mai. Da una delle ruote, lasciate già dai certosini [indica quelle nei muri del chiostro], c’era una campana. E se uno aveva bisogno di qualcosa – siccome le suore lavavano, cucivano, stiravano – si andava là e si suonava la campana. Allora una arrivava dalla ruota e si sentiva solo la voce. Diceva: “Sia lodato Gesù Cristo”. “Sempre sia lodato”. “Cosa desidera?” E magari serviva un paio di calze, oppure una giacca o la talare…
M: La talare?
F B: La veste nera. Avevamo tutti la talare. A noi Fratelli veniva data quando venivamo qui, mentre i chierici l’avevano già due anni prima.
M: Quindi vi passavano l’occorrente attraverso la ruota.
F B: La ruota era a due piani. La suora incaricata metteva la roba lì. Tutto il resto ce lo facevamo noi. Non le vedevamo mai. Io le vedevo a volte perché magari avevano qualche problema con l’acqua calda, o i rubinetti da aggiustare.
M: E durante il noviziato com’era strutturata la vostra giornata?
F B: Al mattino dalle otto e mezza alle undici e un quarto circa, c’era il lavoro per noi Fratelli. Per i chierici, invece, c’era lo studio.
M: Voi, dunque, facevate dei lavori manuali e loro si dedicavano allo studio di materie religiose.
F B: Facevamo restaurazioni. Ognuno di noi riparava qualcosa qua alla Certosa. Poi dalle undici e mezza a mezzogiorno: meditazione nella chiesa grande. E d’inverno faceva freddo…
M: Poi c’era il pranzo nel refettorio?
F B: Sì. E dopo pranzo, alle due, si iniziavano i lavori. Ma prima c’era del tempo libero. Circa un’oretta.
M: E cosa facevate in quel tempo a disposizione?
F B: In inverno, a volte, andavamo a sciare. Magari fino ad un quarto alle due, per rientrare in tempo. Ogni tanto qualcuno si rompeva una gamba… Oppure si passeggiava fino ad Ardua, o giù fino alla Correria. Ma non si stava qui, si usciva. A meno che non piovesse a dirotto.
M: Alle 14:00 di nuovo lavoro. Per tutti?
F B: Sì. Io, ad esempio, avevo sotto di me due chierici. Comunque ognuno di noi aveva un compito preciso. C’era quello che era responsabile dei muratori: Fratel Torta, che è stato qui ultimamente. Lui era il capo dei muratori, per la riparazione dei muri di cinta. E lavori ce n’erano sempre. C’era l’incaricato della pulizia, degli alberi, dei prati… E, dato che faceva freddo, anche chi era incaricato di portare la legna dove c’era la caldaia, o dalla chiesa.
M: Ognuno aveva un suo compito. Ma c’erano anche persone esterne?
F B: C’erano dei Famigli. Era il nome di quelli che adesso chiamiamo volontari. Uno si chiamava “Ciapèla” e faceva il calzolaio. Era gente onesta, che lavorava. Dell’altro non ricordo il nome.
M: Erano di San Bartolomeo?
F B: Non ricordo esattamente. Erano della zona però. Erano soli. Adesso vanno all’ospizio…
M: Ma allora quanti anni avevano?
F B: Sui settanta.
M: E loro davano una mano con i lavori?
F B: Sì. Lavoravano e poi mangiavano e dormivano anche qui. Noi ci prendevamo cura di loro come fossero uno di noi. L’unica differenza era che non avevano i voti.
M: E l’altro Famiglia di cosa si occupava?
F B: Guardava le mucche. Avevamo un po’ di maiali e anche cinque o sei mucche. Ah, poi avevamo anche il pollaio.
M: Il pollaio era già laggiù in fondo al chiostro?
F B: Sì. E la stalla delle mucche era qua sotto dove ora c’è il garage [All’ingresso del viale alberato, sulla destra]. Nella stalla vicina, poi, c’erano quattro o cinque maiali.
M: Dove dormivano i Famigli?
F B: Qui, vicino a noi. E poi mangiavano con noi.
M: E voi religiosi dove dormivate?
F B: Tutti qui, in quella che adesso è chiamata “Ala noviziato”. Di fianco a dove ora c’è il museo, nel chiostro inferiore.
M: Erano dei dormitori?
F B: C’erano due o tre cameroni. Si dormiva lì. Eccetto quelli che erano più anziani. Dei dottori che erano già stati in missione e poi avevano deciso di farsi missionari.
M: E quanti anni avevano, all’incirca?
F B: Sui quaranta. Poi, c’erano anche due o tre sacerdoti che venivano dalle diocesi. E volevano farsi missionari della Consolata.
M: Quindi questo periodo chiamato Noviziato è obbligatorio per tutti.
F B: Sì e durante quell’anno viene spiegata com’è la vita nell’istituto in cui vuoi andare. Cosa devi fare, cosa sarà tuo e cosa non sarà tuo, e cosa ti faran fare i superiori o cosa possono dirti di fare. Perché uno ha bisogno di idee chiare. Perché sarà per la vita…
M: Da quel che mi racconta occorrevano molte stanze per alloggiare tutti voi.
F B: Certo. E poi qui venivano i seminaristi. [Indica l’ala nord, non più porticata, del chiostro superiore]. I seminaristi di Mondovì. Infatti quella ora si chiama “Ala Mondovì”. In quegli anni ce n’erano tanti.
M: E chi erano i seminaristi?
F B: Quelli che studiavano per diventare diocesani. Quei sacerdoti che sono nelle parrocchie. Che si chiamano “Don”, non “Padre”.
M: Ma i diocesani non posso essere anche missionari?
F B: Allora no. Dovevano lasciare la diocesi e venire da noi. E allora ce n’erano sempre tutti gli anni , due o tre.
M: Quanti erano i seminaristi di Mondovì?
F B: Un centinaio e più.
M: Ma erano qua tutto l’anno?
F B: No, solo d’estate, durante le vacanze, per circa due mesi. Anche “l’Ala Cuneo”, adesso si chiama così perché alloggiavano lì un centinaio di seminaristi di Cuneo. All’ingresso della Certosa, arrivando proprio dalla strada.

SONY DSC
L’ingresso della Certosa visto dal viale intero (arco dx). Denominata “Ala Cuneo”

M: Dunque d’estate eravate almeno trecento!
F B: Eh sì, eravamo tantissimi. Poi d’inverno diventava quasi vuoto. Ma d’estate era pieno perché c’erano anche molti turisti in visita. E alla domenica si vedeva gente da ogni parte!
M: E i seminaristi cosa facevano?
F B: Erano per conto loro. Messa per conto loro, pasti per conto loro… Erano ospiti, diciamo. Poi studiavano anche un poco. Ma al pomeriggio erano liberi.
M: Ma non vi incontravate con loro?
F B: No. Avevano altri orari. E anche il cibo se lo facevano loro. Anche perché se no, tutti assieme non ci saremmo mica stati…
M: Ma torniamo a voi novizi della Consolata. Alle due del pomeriggio, cosa facevate?
F B: Dalle due alle quattro: lavori manuali per tutti, anche per i chierici. E dopo si faceva merenda.
M: Si ricorda cosa mangiavate?
F B: Un pezzo di pane. Solo una pagnotta senza nient’altro. Poi alle cinque: studio. Per tutti. Fino alle sei. Quindi c’era la conferenza. La spiegazione della costituzione, ovvero la Regola.
M: La Regola religiosa dei missionari?
F B: Sì. Poi alle sette meno un quarto si andava in chiesa, per vespri e rosario. E dopo cenavamo. Infine circa tre quarti d’ora di ricreazione. La chiamavamo così. Si stava assieme, si leggeva il giornale, si chiacchierava. E a un quarto alla nove, di nuovo preghiera e infine andavamo a dormire.
M: A seguito del noviziato, avveniva una cerimonia?
F B: C’era la cerimonia dei Voti perpetui, quelli dei tre anni. Se ammessi dall’istituto e se uno voleva continuare, naturalmente. Ma già al termine del noviziato, qui, si faceva una cerimonia molto solenne.
M: Quindi l’ha fatta qui.
F B: In realtà no, a Rosignano. Gli ultimi mesi ci han mandati via perché eravamo in troppi. Quindi sono stato qui circa nove mesi, perché c’erano troppi turisti, più tutti gli altri… ed eravamo disturbati. Se no la cerimonia l’avrei fatta qui. Si faceva dentro la chiesa. E subito dopo si andava via. I Chierici a Torino a completare i loro corsi religiosi, o a continuare con la filosofia e la teologia. Mentre i Fratelli andavano di nuovo ad Alpignano, per perfezionarsi nelle materie tecniche, per poter andare in missione. E così ho fatto anch’io. E ad Alpignano sono poi andato a scuola dai Salesiani, che sono noti per l’educazione attraverso le scuole tecniche.
M: Dello stile di vita qui nella Certosa durante il suo noviziato, cosa ricorda?
F B: Facevamo una vita molto regolare. Di preghiera e meditazione. E di lavoro, naturalmente. Tra di noi non si parlava molto. C’era molta meditazione, ricordo.
M: Ma con le altre persone che erano qua, come si trovava?
F B: Il rapporto era molto buono. Anzi, in quell’anno di noviziato nasceva uno spirito di gruppo. Come per i coscritti. Così c’era molta più comunicazione. Sia qui che poi nella missione.
M: E questo è positivo perché creava le basi dell’aggregazione per una vita comunitaria.
F: Proprio così. La nostra non è una vita solitaria. È una vita bilanciata tra preghiera e lavoro. E a me questa vita è sempre piaciuta.

 

Intervista di Manola Plafoni, comparsa sulla rivista d’informazione storico-culturale “Chiusa Antica” / giugno 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...