Dalle lettere del frate Cumino pagine di Storia locale (II)

Sul finire del Settecento il frate certosino Ugo Maria Cumino intrattiene con il medico torinese Bellardi una fitta corrispondenza, lunga circa dodici anni.

P1080381

“Qui siamo ancor trincerati da un’immensa quantità di neve”, scrive il Cumino il 9 marzo 1795 dalla Certosa di Pesio. La lettera che riporta quest’informazione comprende anche un pacchetto con alcune piante, destinate al suo corrispondente torinese. Dalle lettere successive emergerà invece il suo nascente interesse per i funghi. Ed è proprio a Ugo Maria Cumino che si deve il primo studio micologico sulla nostra valle: il Fungorum Vallis Pisiis Specimen, un campionario dei funghi della Valle Pesio che vede la luce nel 1805, nel Volume VIII delle Memorie dell’Accademia delle Scienze di Torino. È la prima flora micologica mai pubblicata in Piemonte e tra le prime in Italia, ma il lavoro scientifico dello speziale ci è noto anche dalle cronache della Certosa del Caranti (Storia della Certosa di Pesio). Il Cumino cita, per esempio, il Boletus scaber, conosciuto in volgare come: Cravette rosse e in Val Pesio come: Gambette. Queste, dice, crescono abbondanti “in sylvis subalpinis prope Roccaforte et La Chiusa, atque etiam in Valle Pisii”. Del Boletus scobinaceus: “Questo fungo apparisce in autunno lungo le strade, tra gli ericeti, sotto i castagni, ed è abbastanza frequente. Gli abitanti della Val Pesio lo chiamano Gasparin ed è mangereccio … viene raccolto e conservato sotto sale come per i porcini”.

4 ottobre 12 (86)
Boschi di faggi sul versante ovest della valle, a sinistra del torrente Pesio. L’edificio in basso è l’ex mulino certosino. [Foto realizzata dalla chiesa superiore]

Se si pensa al periodo cui fanno riferimento queste informazioni, è curioso sapere che all’incirca negli stessi anni – il 24 maggio 1786 – Balmat e Paccard compiono la prima scalata del Monte Bianco. E il nostro frate, appassionato di botanica, non è molto da meno nel percorrere in lungo e in largo le montagne circostanti. Il 4 agosto 1789, in una lettera che firma: “Frà Paolo Cumino Converso” dice: “sono andato a trovare il Sig. Viale a Limone”. Certamente attraversando le montagne che dividono la Valle Pesio dalla Val Vermenagna; e con buone probabilità rientrando in giornata al “monistero” della Certosa.

Nel suo ricco carteggio parla più volte delle località in cui si reca; luoghi che talvolta hanno il medesimo nome di quelli che oggi noi conosciamo. “La ventura settimana ho pensato dimandar licenza al Padre Priore per partir da buon’ora, ed andar ai Laghi detti dei Bicay, confini della Briga colle nostre montagne” (12 agosto 1788). In un’altra sua lettera (17 novembre 1789) scopriamo, a proposito della Campanula Rhomboid affinis, che “si trova frequentissima nei luoghi detti i grop di Serpentera … e lungo l’Armellina di Limone, da per tutto nelle fessure de’ sassi”. La Centaurea Succisoefolia poi “nasce ne’ luoghi esposti a levante e mezzogiorno della Pavarina attigua ai Grop della Mirauda”. Il 15 agosto del 1791 racconta: “In tutto il mese di luglio non ho potuto assentarmi dalla Certosa stanti le quotidiane piogge e tempeste che devastano tutte le campagne di questi contorni, ma poi il primo del corrente fece una buona giornata che il Padre Priore graziosamente me la fece profittare intera, onde percorsi la montagna de La Carsena e quella di Malaberga”. Tra le altre località: “martedì ho fatta una scorsa sino vicino a Carlin dove si chiama Le Celle de’ Briaschi” (18 agosto 1791) e in numerosi scritti è citato: “Tetti Pesio” (grangia certosina dove più volte si reca) e poi “Boves” e “Beynette”.

A proposito invece di “Costa Rossa, alpe attigua alla Pessimalta” (che noi oggi chiamiamo Bisalta) in un documento senza data, ma molto verosimilmente databile 1796, Cumino ci dice che vi “abbonda più di tutte le altre località alpine della Valle Pesio, di Achillea herbarota” e di questa pianta fa un resoconto molto dettagliato dell’impiego farmaceutico: “ho raccolta una grande quantità … che in parte ho distillato con sufficiente quantità d’ acqua pura, previa macerazione, su bagno maria; in parte ho pestato in mortaio per preparare una infusione di olio; e in parte ho ancora pestato per estrarne il succo; e poiché questa pianta è di per sé poco succosa, l’ho mescolata con una terza parte di acqua pura, e l’ ho fatta macerare per diverse ore su bagno maria, perché la stessa acqua estraesse il particolare olio dalla pianta pestata. L’acqua ottenuta per distillazione di queste piante, ha un sapore aromatico, piccante amaro; la ho addolcita con piccole quantità di succo edulcorante e l’ho provata come rimedio specifico; e non mi è andata delusa la mia speranza di buon successo. La giudico anche efficace per uso interno, per le ulcere, e l’ho sperimentata in questi casi. Per uso esterno l’ho applicata come astringente a una ferita della mano sinistra, che arrivava fino al periostio. Non cessava la fuori uscita di pus anche coll’impiego di olio di Achillea e di balsamo del Perù, e nemmeno cessava dopo applicata una fasciatura al dito con un lino bagnato di acqua distillata. Ripetei questa operazione due volte al giorno, fino a che la ferita fu perfettamente risanata nello spazio di sei giorni”.

Dal carteggio appassionato emergono poi i nomi di altre Certose attive sul finire del XVIII secolo. “Il Padre Priore di Casotto è asceso al grado di visitatore, ed essendo codesto per visitare questa Certosa fra breve, dice di non esser prudenza di lasciarmi andar in giro, tanto più che sono vicino al mio noviziato” (29 giugno 1789). “Dovendo il Padre Priore portarsi in Torino nella ventura settimana col Padre Visitatore per visitar la Certosa di Collegno” (5 novembre 1789). Ma anche la Certosa d’Asti e la Gran Certosa (la Certosa Madre di Grenoble).

Il giovane speziale, talvolta amareggiato nei confronti degli altri monaci, ci lascia anche degli scritti sorprendenti, che fan luce sulla sua vicenda umana alla Certosa di Pesio. Scrive nel dicembre del 1790: “Le replicate istanze del Padre Priore, e di varj altri Monaci (ancorché alcuni miei emuli per il fatto successomi) persuadendomi di ritornare dalla mia risoluzione di Secolarizzarmi, colle più vive espressioni fattemi non senza lagrime, mi hanno nuovamente indotto a Seguitare nella Religione, in cui credo, che il Sig.r Iddio alla fine m’avrà destinato, tutto ché umanamente riflettendo, in niun conto non avrei più dovuto lasciarmi lusingare, ma avendo riguardo alli spirituali riflessi, credo essere la via più sicura per incamminarmi alla Patria Eterna”. E, ringraziando il medico Bellardi per l’appoggio morale, conclude: “tuttavolta, che mi succedesse di dover abbandonare i Certosini, mi offerisco sempre a di lei cenni, e non mancherei di profittarmi delle graziosissime di lei gentilezze espresse nell’ultima sua. Non so quando mi restituirò in Certosa, in cui pervenendo credo, che mi faranno fare tutt’altro che lo Speziale, ma comunque capiti non mi maraviglio, perché ho già conosciuto abbastanza che i frati sono teste B.F., e che non amano né Scienze, né Arti, ma bensì l’Emulazioni, adulazioni … Pazienza, che farci, dapertutto vi sono guaj.”

4 ottobre 12 (89)

Ma in fondo Ugo Maria Cumino è molto legato alla bella Valle Pesio e, in una sua del 5 novembre 1789 scrive al suo corrispondente: “il Signor Malacarne fa una corografia del territorio d’Acqui, come se questa città fosse lontana 12 mila miglia dal Piemonte; si vede che questo associato ha un gran prurito di scrivere. Se si facesse anche quella della Valle di Pesio sarebbe anche più voluminosa, e più curiosa di quella d’Acqui, dove poco per volta si trova poi essere il luogo dove l’Onnipotente creò l’Uomo, quindi lo scacciò per la disobbedienza.”

 

Manola Plafoni

[Articolo sul N. 26 – dicembre 2014 / “Chiusa Antica” – Rivista di informazione storico-culturale]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...